• Giorgia Andrea Bergamasco

LA SACRALITÀ DEL DESIGN.

Il grande debutto di Alpha District all’eccezionale edizione del Fuorisalone 2021: un progetto outdoor di puro design che dà voce ai protagonisti della scena contemporanea.



“Cattedrali” è la parola che risuona in Piazza Gino Valle durante il Fuorisalone 2021. Durante la sua prima edizione Alpha District debutta presentando, tra altri importanti progetti, Cattedrali – un’installazione corale nata dalla volontà di combinare il design con l’innovazione e l’inclusione.

Queste mini-architetture hanno trasformato con le loro silhouettes la piazza più grande di Milano in un luogo metafisico. Il progetto è infatti ispirato al noto pittore metafisico e surrealista Giorgio De Chirico, in modo specifico alla sua serie di tele intitolate Piazze d’Italia. L’atmosfera di sospensione e mistero che si respira nelle sue opere viene però qui reinterpretata in chiave moderna.


Ognuna delle Cattedrali ospita al suo interno designer, ma anche brand e artisti, includendo nomi affermati e figure emergenti.

I progetti presentati sono unici e molto eterogenei, così come le Cattedrali stesse, colorate ed essenziali. Le strutture racchiudono al loro interno l’anima del design contemporaneo – che nella cornice urbana milanese si integra alla perfezione con il concetto di inclusività, grazie alla decisione di rendere le Cattedrali un progetto outdoor accessibile al pubblico senza limiti di orari o restrizioni.

Questa libera fruizione porta i visitatori appassionati di design, ma anche semplicemente chi vi si imbatte per caso, a mettere in moto il meccanismo della libera interpretazione – per un design senza vincoli e quindi alla portata di tutti.


FORO Studio è affidatario della direzione creativa del progetto e della sua supervisione, nonché di quella dell’intero distretto. Gli obiettivi principali che si propone di raggiungere vanno nella direzione del raggiungimento di un’ampia audience in modo da dare il massimo della visibilità ai designer e ai loro prodotti, con cui interagire lasciandosi piacevolmente sorprendere.



I partecipanti

I volti dietro ognuna delle Cattedrali provengono dalla scena contemporanea del design che racchiude personalità e modalità artistiche assai eterogenee – che in questa occasione hanno la possibilità di combinarsi in un unico ampio spazio.


Antonio Aricò

Antonio Aricò, artista, designer e direttore creativo, porta nell’esposizione outdoor Cattedrali la poesia e il romanticismo del passato. Modernità e tradizione si ritrovano interconnessi e sovrapposti durante questa edizione del Fuorisalone, grazie alla vena passionale di Aricò che lo lega profondamente alla sua terra natia, la Calabria.

Il progetto che lo accompagnerà prende il nome di Le sirene di Milano“L’Italia non è un paese, è un mare di storie”, da queste parole dell’artista cogliamo il suo intento di raccontare storie che uniscano il nostro Paese attraverso la sua arte.

L’opera comprende cinque sirene, scolpite dal nonno falegname Saverio Zaminga e vestite da Aricò, che si ispirano segretamente alle storie della sua infanzia calabrese e girano in un “carosello” di legno in un racconto danzante.



Ava Wolff

La poliedrica designer Ava Wolff che incanta il pubblico del Fuorisalone 2021 con Non c’è prato senza erba – una collezione di pasties ispirata al mondo del greenery. Questi ironici e delicati accessori corporei puntano a celebrare la bellezza della libera espressione lontano da antiquati tabù e binarismo di genere.

I pasties vengono immersi per l’occasione in un giardino fantastico in cui fili d’erba, foglie, rugiada e boccioli li incorniciano in un’armonia verdeggiante e armonica.

Corpo e natura sono i due piani su cui si sposta il progetto di Ava Wolff, intrecciabili e complementari.



Chendù

Elisabetta Mariani ed Ernesto Cesario sono i nomi dietro Chendù, studio creativo di cui sono i soci fondatori. Insieme ad una rosa preziosa di collaboratori, artigiani e consulenti creano una contaminazione di grande efficacia e innovazione tra idee, competenze, vissuto e saper fare.

Il loro sodalizio si estende anche nella vita privata, ma è attraverso quello professionale che collaborano a Cattedrali nel Fuorisalone di Alpha District con un progetto degno di nota.

Osa è un motto, uno stile di vita, e in questo caso anche un oggetto di home decor da parete. Volto a promuovere un messaggio anticonvenzionale e fuori dagli schemi; l’opera di design si presenta come essenziale, ma allo stesso tempo materica e scenografica.



Duccio Maria Gambi

Duccio Maria Gambi, artigiano-designer fiorentino, entra nel progetto Cattedrali portando la sua abile maestria nella lavorazione del cemento. I suoi mobili-scultura appaiono materici e imponenti, ma rimangono fedeli all’idea di orizzontalità e fruibilità che guida Duccio in tutta l'eterogeneità delle sue creazioni. L’intreccio tra dimensione naturale e artificiale rende le opere dell’artista uniche nel loro genere.

À l’inverse è la collezione di opere-scultura esposta nella sua cattedrale: vasi di onice bianco del Messico il cui titolo si riferisce al contrasto tra la parte naturale e quella artificiale.

Le superfici esterne dipinte sono irregolari e tagliate, segno dell’intervento umano, e esaltano la bellezza autentica della pietra. Grazie alla natura traslucida del materiale, la luce gioca un ruolo fondamentale: passando attraverso le aree dipinte nel blocco, essa ne aggiunge un bagliore colorato.



Gumdesign

Gumdesign è la concretizzazione dell’unione della designer Laura Fiaschi e dell’architetto Gabriele Pardi. Il loro studio presenta il progetto Borghi, realizzato per antoniolupi. Si tratta di un lavabo freestanding, lineare e innovativo, progettato in tre nuovi colori: ceruleo, oleo e gran cru. Sono proprio i materiali utilizzati e la loro colorazione a riprendere l’atmosfera paesaggistica delle colline toscane, con i suoi borghi incastonati nella roccia, i suoi sapori e colori. Il lavabo è quindi composto di due parti: una inferiore in sughero naturale e una superiore in Cristalmood, frutto della più avanzata tecnologia ecosostenibile.

Ed è proprio con questo progetto che Gumdesign ottiene la candidatura e vince nella categoria “Bathroom” agli EDIDA (Elle Deco International Design Awards) del 2021.



MONOMIO

MONOMIODigital Design Boutique e piattaforma di ricerca e tendenze nel campo del design fondata da Sara Peluso e Martina Caiazzo. MONOMIO partecipa a Cattedrali con il progetto collettivo MONOMIO Spot, realizzato in collaborazione con sei diverse designer donne emergenti e volto a mostrare l’unicità dei loro prodotti handmade di design come sculture, ceramiche, candele e oggetti d’arredo e lifestyle.

Le sei collezioni presentate all’interno della cattedrale MONOMIO Spot hanno l’intento di creare un ponte tra artigianato, design e produzione consapevole.

Nello specifico le sei designer creatrici delle collezioni e provenienti dalla scena nazionale e internazionale sono: Vic Wright, Laura Itkonen, Giulia Cosenza, Marta Benet, Letizia di Formepiane e Noemi di Hot&Vintage.

La cattedrale di MONOMIO è caratterizzata dall’iconica palette e dall’estetica ricercata propria del brand; i prodotti esposti sono disponibili in tirature limitate in vendita in esclusiva sul sito.



Serena Confalonieri

Calypso è il nome della collezione della designer milanese Serena Confalonieri. L’idea della collezione nasce dalla ricerca di nuove modalità di convivio durante la pandemia degli ultimi due anni. È proprio l’esperienza del lockdown che ha fatto da molla per la creazione di Calypso – in una condizione in cui le persone sfogavano la propria noia sul cibo, privandosi della gioia e della leggerezza della convivialità.

La collezione comprende una serie di fiori tropicali di vetro colorato lavorati artigianalmente in Italia, in cui riconosciamo coppe da champagne, bicchieri da Martini, bottiglie e bicchieri d’acqua e vino. L’obiettivo ultimo di Calypso è di trasportare il pubblico lontano, in una dimensione libera e ampia contraria alla costrizione delle proprie case.



La totalità di questi progetti segue il comune filo rosso del design, nella sua essenza più pura e unica, ma declinabile in mille altre forme e realizzazioni che possano collegare il fruitore alla contemporaneità in cui è immerso quotidianamente.


Ph credits: immagini del progetto Cattedrali in Piazza Gino Valle, di FORO Studio. Immagine di Le Sirene di Milano e portrait di Antonio Aricò, di Alfredo Muscatello. Immagine di Non c'è prato senza erba e portrait, di Ava Wolff. Immagine del progetto Osa, di FORO Studio, portrait di Chendù, di Chendù. Immagine del progetto À l'inverse di Duccio Maria Gambi, ritratto di Duccio Maria Gambi, di Giovanni Savi. Immagine del progetto Borghi di antoniolupi, portrait di gumdesign, di gumdesign. Immagine dei progetti di MONOMIO di Vic Wright, Laura Itkonen, Giulia Cosenza, Marta Benet, Letizia di Formepiane, Noemi di Hot&Vintage, ritratto di Sara Peluso e Martina Caiazzo di UntilCreativeLab. Immagine del progetto Calypso di Andrea Agrati, portrait di Serena Confalonieri, di Monica Spezia.